Amedeo “Amez” Vannacci vince il torneo Invitational, “Ma non mi sento un pro”

Amedeo “Amez” Vannacci ha già dato prova del suo valore vincendo il torneo Hearthstone Invitational Hearts & Spades. Ha sconfitto 16 dei più forti player italiani del titolo firmato Blizzard, eppure non si definisce un pro, alternando l’impegno negli e-sport agli studi in medicina.

Amedeo ci tiene a precisare che è in pari con gli esami, anche se conciliare università e gaming “è faticoso”. “Ci sono periodi, soprattutto sotto esame, in cui Hearthstone viene un po’ messo da parte”. La media di gioco del 22enne pratese è comunque di “3 ore al giorno, con picchi in periodi particolari del mese”. Un piano di lavoro che si accorda con un “progetto di stream nel quale per tre giorni a settimana streammo dalle 16.00 alle 20.00 su Twitch”.

La sua avventura con Hearthstone inizia circa due anni e mezzo fa, anche se i primi passi nella realtà multiplayer li ha compiuti “con Halo o con Age of Empires non ricordo bene, ma ricordo che la competizione nell’ambito degli e-sport mi prese subito molto”.

Ed è proprio la componente competitiva del gioco di carte collezionabili a regalare le emozioni più intense, a detta di “Amez”: “il team, le vincite in denaro, ti fanno sentire come se stessi facendo qualcosa di grande ed è sicuramente una bellissima sensazione”.

Competizione sì, ma non solo. Alla base c’è infatti un impianto di gioco caratterizzato dalla “componente strategica e di logica/ragionamento, che sono le cose che cerco sempre molto in un gioco”. Aspetti che accomunano il titolo Blizzard al poker e per questo “anche il poker mi piace molto” ha chiarito Amedeo. Del tavolo verde il toscano apprezza “il ragionamento, la lettura della mano avversaria a seconda delle giocate, la strategia in sé e perché no, la possibilità di trarne guadagno”.

La carriera di professional poker player è forse ancora solo uno dei tanti progetti di lungo periodo, ma “sarebbe sicuramente stimolante e interessante, la passione non manca anche per questo gioco”. Chissà che “Amez” non diventi un nick famoso anche tra i player di PokerStars.it, oltre che sui server Battle.net.

Vuoi saperne di più? Ecco l’intervista completa ad Amedeo “Amez” Vannacci sul Blog di PokerStars.it.